Sei in: NovitÓ > La presidenza del Consiglio dei Ministri ha commissionato un documentario sulla vita del Maestro

La presidenza del Consiglio dei Ministri ha commissionato un documentario sulla vita del Maestro

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha commissionato all' Agi un film documentario sulla vita di Giacomo Puccini e i suoi luoghi, nell'anno del 150° anniversario della nascita del maestro. La troupe, accompagnata dalla curatrice del filmano, Marcy Monetti e dal regista Gianni Martucci, proprio in questi giorni sta effettuando le riprese a Lucca, dedicando particolare attenzione ad alcuni luoghi pucciniani per eccellenza: quali le chiese di S. Michele e S. Paolino, piazza Cittadella e il monumento a lui dedicato. Una visita particolare sarà quella alla mostra "Puccini e Lucca" allestita fino al 22 dicembre a palazzo Guinigi.
"Il filo conduttore del documentario - ha spiegato lo stesso regista Martucci - sono i luoghi pucciniani per eccellenza che ne hanno influenzato la produzione musicale. Lucca è la sua città, quella che ha dato i natali al maestro e quindi quella che ne ha influenzato la formazione e, sicuramente la giovinezza.
Puccini ha avuto uno speciale legame con la città, non dimentichiamo che la sua formazione musicale è avvenuta proprio nell'Istituto d'arte oggi dedicato alla memoria di Boccherini. Respirare l'aria di questa particolare città colta, ricca d'arte e di luoghi intensi e dedicati alla musica, ha sicuramente influenzato profondamente il maestro. E' vero però che Puccini poi è diventato un cittadino del mondo, e si è trasferito a Milano, dove si è realizzata e perfezionata la sua preparazione musicale, dove ha conosciuto Mascagni e condotto una vita bohemienne. Ultimo non ultimo certamente Torre de Lago, luogo di affezione, scelto dal maestro, legato al suo amore per la caccia e fonte di ispirazione continua per le sue opere". Nel filmato saranno comprese anche una intervista al Cavaliere Bruno Ermolli, presidente del comitato nazionale per le celebrazioni pucciniane e a Simonetta Puccini, nipote del Maestro. Una volta montato, il cortometraggio avrà una durata di circa 12 minuti e sarà distribuito attraverso i canali di palazzo Chigi. "Questo vuol dire - sottolinea Marcy Monetti, curatrice del filmato - che sarà distribuito in Italia e all'estero in tutti i consolati, le ambasciate e gli istituti di cultura".
Torna alla navigazione