Comitato Nazionale Celebrazioni Pucciniane
Sei in: Eventi > Passati > Le Villi in scena al Teatro del Giglio di Lucca il 9 e 11 maggio 2008

Le Villi in scena al Teatro del Giglio di Lucca il 9 e 11 maggio 2008

Secondo importante appuntamento dedicato a Giacomo Puccini organizzato dall'Associazione Musicale Lucchese e dal Teatro del Giglio che hanno voluto rendere omaggio al Maestro dedicandogli la sesta edizione di «Lucca in Musica». La rassegna, realizzata con il contributo e la collaborazione di Comune, Provincia, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e BMW-Lucar, dà il suo importante contributo al calendario delle celebrazioni pucciniane che si svolgeranno non solo a Lucca, ma in tutta Italia, nel corso del 2008. Dopo il grande successo del concerto di febbraio durante il quale l'orchestra e il coro del Teatro Comunale di Bologna diretti da Nicola Luisotti hanno eseguito la Messa a quattro voci e alcune composizioni giovanili di Puccini, venerdì 9 e domenica 11 maggio, al Teatro del Giglio di Lucca, andrà in scena Le Villi.

Composta nel 1883 su libretto di Ferdinando Fontana, Le Villi costituisce l'opera d'esordio del compositore lucchese. Fontana trasse il soggetto da un racconto di Alphonse Karr, a sua volta ricavato dal balletto Giselle. Le villi, nella mitologia germanica, sono creature ultramondane, fantasmi di donne morte di dolore per essere state abbandonate dai loro uomini che non hanno mantenuto la promessa di fedeltà e di nozze.

Sul palco del Teatro del Giglio la soprano Maria Chiara Pizzoli nel ruolo di Anna, il tenore Antonello Palombi (Roberto) e il baritono Gabriele Spina (Guglielmo). La voce narrante è quella dell'attore Amerigo Fontani. La regia, le scene e i costumi sono di Mirco Rocchi mentre le coreografie sono di Roberto Sartori che guida la compagnia KAOS-Balletto di Firenze. L'orchestra è quella delle Celebrazioni Pucciniane, il coro è la Polifonica Lucchese guidata da Egisto Matteucci.

Direttore e curatore della serata è il maestro Herbert Handt che ha scelto di eseguire l'opera secondo la revisione di Michael Kaye, uno dei più grandi studiosi di Puccini, la cui lettura rende preziosissima questa messa in scena di «Le Villi» in quanto sarà la prima ripresa moderna dell'opera nella sua versione del 1885. Il maestro Handt, inoltre, per completare il quadro musicale dell'epoca, ha voluto affiancare all'opera pucciniana anche due brani di Alfredo Catalani (la Danza delle Ondine da Loreley e il Preludio tratto dall'atto IV di Wally) e un Preludio di Fortunato Magi.